Shock: il governo canadese abbraccia apertamente il transumanesimo

Pubblicato da: Policy Horiizons Canada  

Il testo e le diapositive seguenti sono tratti direttamente dall’organizzazione del governo federale canadese, Policy Horizons. E ‘puro Transumanesimo e Tecnocrazia che cerca “la piena integrazione fisica di entità biologiche e digitali” al fine di “cambiare gli esseri umani – i nostri desideri, menti e comportamenti”. ⁃ TN Editor

Nei prossimi anni, le tecnologie biodigitali potrebbero essere inserite nelle nostre vite come lo sono oggi. I sistemi biologici e digitali stanno convergendo e potrebbero cambiare il modo in cui lavoriamo, viviamo e persino evolviamo come specie. Più che un cambiamento tecnologico, questa convergenza biodigitale può trasformare il modo in cui comprendiamo noi stessi e indurci a ridefinire ciò che consideriamo umano o naturale.

La convergenza biodigitale può avere un impatto profondo sulla nostra economia, sui nostri ecosistemi e sulla nostra società. Essere preparati a sostenerlo, gestendone i rischi con cura e sensibilità, determinerà il modo in cui affrontiamo considerazioni sociali ed etiche, oltre a guidare le conversazioni politiche e di governance.

Guidato dal suo mandato, Policy Horizons Canada (Policy Horizons) intende avviare un dialogo informato e significativo sui futuri plausibili per la convergenza biodigitale e sulle questioni politiche che potrebbero sorgere. In questo documento iniziale, definiamo ed esploriamo la convergenza biodigitale: perché è importante esplorare ora, le sue caratteristiche, quali nuove capacità potrebbero derivarne e alcune implicazioni politiche iniziali. Vogliamo impegnarci con un ampio spettro di partner e parti interessate su come potrebbe essere il nostro futuro biodigitale, come questa convergenza potrebbe influenzare settori e industrie e come potrebbero evolversi le nostre relazioni con la tecnologia, la natura e persino la vita stessa.

Accogliamo con favore i vostri commenti e la vostra partecipazione e non vediamo l’ora di approfondire le questioni sollevate in questo documento.

Kristel Van der Elst

direttore Generale
Policy Horizons Canada

sommario

Alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, i canadesi e i responsabili politici iniziarono a capire che l’era digitale era alle porte. I primi a muoversi hanno colto le opportunità, affrontato le sfide e avviato politiche abili che hanno fornito vantaggi per decenni. Continuiamo a vedere i potenti effetti della digitalizzazione e sicuramente ne arriveranno altri. Ma potremmo essere sull’orlo di un’altra interruzione di simile portata. Le tecnologie digitali e i sistemi biologici stanno iniziando a combinarsi e fondersi in modi che potrebbero essere profondamente distruttivi per le nostre ipotesi sulla società, l’economia e il nostro corpo. La chiamiamo  convergenza biodigitale.Questo documento definisce una struttura iniziale per guidare il prossimo lavoro di previsione di Policy Horizons. 

Cos’è la convergenza biodigitale?

1  Piena integrazione fisica di entità biologiche e digitali

La tecnologia digitale può essere incorporata negli organismi e le componenti biologiche possono esistere come parti delle tecnologie digitali. L’intreccio fisico, la manipolazione e la fusione di biologico e digitale stanno creando nuove forme ibride di vita e tecnologia, ognuna funzionante nel mondo tangibile, spesso con capacità potenziate.

 Esistono già robot con cervello biologico 01  e corpi biologici con cervello digitale 02 , così come le interfacce uomo-computer e cervello-macchina. 03  L’uso medico dei dispositivi digitali negli esseri umani 04, così come gli insetti manipolati digitalmente come le libellule dei droni 05  e le locuste di sorveglianza 06, sono esempi di tecnologia digitale combinata con entità biologiche. Attingendo al sistema nervoso e manipolando i neuroni, la tecnologia può essere aggiunta a un organismo per alterarne la funzione e lo scopo.  Man mano che la convergenza continua, potrebbero sorgere nuovi corpi umani e nuovi sensi di identità 07.

2  Coevoluzione delle tecnologie biologiche e digitali

Questo tipo di convergenza biodigitale emerge quando i progressi in un dominio generano progressi importanti nell’altro. La coevoluzione delle scienze e delle tecnologie biologiche e digitali consente progressi in ogni campo che altrimenti sarebbero impossibili. Ciò potrebbe portare a tecnologie biologiche e digitali sviluppate come sistemi integrati o complementari.

I sistemi viventi complessi – batteri, funghi, piante e animali, compreso l’uomo – sono sempre più soggetti a esame e comprensione da parte di strumenti e applicazioni digitali come l’apprendimento automatico. Questa comprensione più profonda, resa possibile dalle tecnologie digitali, significa che la biologia è soggetta a influenze e manipolazioni che non erano possibili fino a pochi anni fa.

Ad esempio, il sequenziamento genico combinato con l’intelligenza artificiale (AI) porta alla comprensione dell’espressione genetica, che viene quindi utilizzata per alterare organismi esistenti per creare composti organici in modi nuovi 08  o anche organismi interamente sintetici. 09  L’approccio CRISPR/Cas9 e altre nuove tecniche di editing genetico sarebbero stati impossibili senza l’evoluzione della tecnologia digitale e della bioinformatica. I progressi nelle tecnologie digitali hanno aiutato il progresso del biodigitale. 10

Vediamo anche una maggiore comprensione della biologia, che sta alimentando il progresso nel campo dell’informatica biologica. Le reti neurali – sistemi informatici progettati sulla base di cervelli biologici – sono un esempio di come la comprensione biologica sta plasmando la tecnologia digitale.

C’è anche una sfocatura tra ciò che è considerato naturale o organico e ciò che è digitale, ingegnerizzato o sintetico. Ad esempio, la vaniglia biosintetica viene creata utilizzando acido ferulico, eugenolo e glucosio come substrati e batteri, funghi e lieviti come ospiti della produzione microbica. Sebbene non provenga da una pianta di vaniglia, in base alla legislazione alimentare sia degli Stati Uniti che dell’UE, la sua produzione da “trasformazioni microbiche di precursori naturali” gli consente di essere etichettato come “aroma naturale”. 11

3  Convergenza concettuale dei sistemi biologici e digitali

Una terza forma di convergenza biodigitale comporta un cambiamento di prospettiva che potrebbe rimodellare il nostro inquadramento e approccio ai regni biologico e digitale, facilitando la fusione dei due.

Mentre continuiamo a comprendere e controllare meglio i meccanismi che sono alla base della biologia, potremmo vedere un allontanamento dal vitalismo – l’idea che gli organismi viventi e non viventi siano fondamentalmente diversi perché si ritiene che siano governati da principi diversi. 12 , invece, l’idea della biologia come aventi caratteristiche prevedibili e gestibili in modo digitale possono diventare sempre più comune a causa di vivere in un’epoca biodigitale. Qualsiasi studente di biologia oggi sarà cresciuto in un mondo digitale e potrà applicare consciamente o inconsciamente quel quadro di riferimento alla bioinformatica e alla biologia in generale.

Da una prospettiva digitale, vediamo un potenziale cambiamento nella direzione opposta. L’informatica è nata come mezzo per produrre risultati prevedibili, replicabili e relativamente semplici. Man mano che la tecnologia digitale è diventata più complessa e connessa, il sistema ha iniziato a imitare le caratteristiche del mondo biologico, portando alla nozione di ecosistemi tecnologici. I modelli biologici vengono utilizzati anche per sviluppare strumenti digitali, come l’intelligenza artificiale basata su reti neurali.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web: https://it.technocracy.news/shock-il-governo-canadese-abbraccia-apertamente-il-transumanesimo/

®wld