Personaggi del Great Reset – Cosa potrebbe essere il futuro 2021 … se le élites che controllano fanno a modo loro

Personaggi del Great Reset – Cosa potrebbe essere il futuro 2021 … se le élites che controllano fanno a modo loro

di Graham Dockery dal Sito Web RT traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese

Con il lancio del vaccino in corso, l’umanità sembra destinata a vincere la lotta contro il coronavirus. Ma alcune élite che pianificano un “Grande Ripristino – Great Reset” post-coronavirus, non vogliono tornare alla normalità.

Ecco quindi cosa hanno pianificato.

Mentre le chiusure e gli utilizzi delle mascherine sono diventati parte della vita quotidiana nel corso dell’ultimo anno, i politici di tutto il mondo hanno chiesto ai loro cittadini di accettare “La Nuova Normalità”.

La frase è divenuta onnipresente, ma man mano che i vaccini si avvicinavano alla distribuzione, quella frase è stata sostituita da una nuova, “The Great Reset”, usata per descrivere i cambiamenti monumentali necessari alla società umana in un mondo post-coronavirus.

Svelato a maggio dal principe inglese Carlo e da Klaus Schwab nel World Economic Forum, il ‘Great Reset’ è un piano ambizioso per creare:

una società globale più “equa”, senza contanti, integrata e sostenibile…

I leader mondiali hanno apparentemente aderito al piano, con il suo slogan “Build Back Better” che figurava in modo prominente nei messaggi della campagna del presidente degli Stati Uniti in arrivo Joe Biden.

Liberalizzazione in ritardo o nuovo ordine mondiale tecnocratico?

L’opinione sul piano è divisa tra coloro che pensano che sia il colpo di cui il mondo ha bisogno e quelli che pensano che farà sembrare Cyberpunk 2077 un utopico mondo dei sogni.

Qualunque sia la vostra opinione, ecco uno sguardo al ‘New Normal‘ che si prevede per il 2021 e oltre.

Passaporti dei vaccini per tutti

Anche il World Economic Forum (WEF) ha riconosciuto che il rilascio ai cittadini di passaporti di immunità, o certificati di vaccinazione, potrebbe rivelarsi “controverso”.

Tuttavia, ciò non ha impedito ai governi di giocare con l’idea.

La Gran Bretagna sta “esplorando” l’idea di creare un database digitale di “passaporti per la movimento” che concederebbe l’accesso ai luoghi pubblici solo a persone che possono dimostrare un test Covid negativo, mentre Irlanda e Israele hanno discusso sul divieto ai non vaccinati in determinati spazi.

La Francia può vietare ai non vaccinati i trasporti pubblici.

Tali mosse sono state aspramente criticate dai sostenitori delle libertà civili, ma a coloro che le spingono non importa.

“Preparatevi subito per un passaporto sanitario”, ha scritto la scorsa settimana l’ex primo ministro britannicoTony Blair.

“Conosco tutte le obiezioni, ma accadrà. È l’unico modo in cui il mondo funzionerà e il blocco non sarà più l’unica linea di condotta”.

I governi potrebbero non essere in grado di costringere i cittadini a accusare questo colpo frettoloso e pieno di effetti collaterali sotto la minaccia delle armi, ma non sarà necessario.

L’industria dei viaggi aerei ha già affermato che richiederà la prova della vaccinazione per volare quest’anno, lasciando agli aspiranti viaggiatori una scelta semplice:

accusare il colpo o stare a casa…

La compagnia aerea economica Ryanair haridotto l’idea a uno slogan schietto:

“Iniezione (vaccino) e vai…!”

ID digitali e punteggi di credito sociale

Il vostro record di vaccinazione è solo un aspetto della vostra identità a cui gli architetti del Grande Reset vogliono accedere.

In un post alla vigilia di Natale, il WEF ha definito un piano ambizioso per creare un’app di identità digitale volta a dare un’identità ufficiale a più di un miliardo di persone in tutto il mondo che si dice ne siano sprovviste.

La registrazione della popolazione mondiale è un obiettivo condiviso dalle Nazioni Unite e l’app proposta dal WEF consentirebbe agli utenti di collegarsi con “città intelligenti”, servizi sanitari e finanziari, fornitori di viaggi e acquisti e dipartimenti governativi.

Per Twitter, fai clic sull’immagine sopra…

Insieme all’idea dei passaporti sanitari, si può facilmente immaginare un mondo in cui i non vaccinati potrebbero essere esclusi da questi servizi vitali.

Il Fondo Monetario Internazionale ha fatto un ulteriore passo avanti, tuttavia, proponendo questo mese che gli algoritmi di intelligenza artificiale potrebbero essere utilizzati per scansionare i post sui social media di una persona per determinare il loro punteggio di credito.

Hai messo troppi post anti-vax su Facebook?

Scusa, amico, prestito negato.

Disuguaglianza con gli steroidi

I fautori del Grande Reset parlano di costruire un’economia più equa ed imparziale dopo il Covid.

Ma se le tendenze attuali sono qualcosa su cui basarsi, quell’economia assomiglia più al feudalesimo medievale, con un piccolo gruppo di miliardari alla testa e il resto di noi in basso.

I blocchi sono stati disastrosi per i proprietari di piccole imprese.

San Francisco, ad esempio, ha visto chiudere la metà delle sue piccole imprese, mentre New Orleans, fortemente dipendente dal turismo e dall’ospitalità, ha perso il 45% delle sue piccole imprese.

La situazione è la stessa in tutto il mondo, con paesi come l’Irlanda che hanno implementato un secondo blocco questo inverno vedendo fallire più aziende.

I miliardari del mondo, tuttavia, stanno andando straordinariamente bene…

Da quando è iniziata la pandemia, i titani americani a tre cifre hanno aumentato la loro ricchezza di quasi un trilione di dollari.

Amazon ha ottenuto risultati straordinari nel secondo trimestre nel 2020, guadagnando $ 89 miliardi in quel periodo e aumentando la fortuna del CEO Jeff Bezos a $ 200 miliardi.

La ricchezza combinata dei 12 americani più ricchi – tra cui il CEO di Facebook Mark Zuckerberg e il CEO di Microsoft e l’evangelista dei vaccini Bill Gates – è cresciuta di uno sbalorditivo 40%.

Con i blocchi che continueranno nel 2021, non vi è alcuna indicazione che questa tendenza sarà invertita a breve.

Tutto questo fa ben sperare per il mondo immaginato dal WEF. Secondo il famigerato video promozionale dell’organizzazione, entro il 2030 la persona media

“non possiederai nulla e sii felice”…

Beni e servizi verranno invece affittati da aziende e consegnati tramite drone, una configurazione che solo Amazon sarà in grado di fornire

Una nuova spinta all’ambientalismo

Prima che il Covid arrivasse, il cambiamento climatico – un problema reale, ma fortemente politicizzato – era il problema principale dei governi di tutto il mondo, poiché i leader si scontrarono l’un l’altro per annunciare date più vicine per l’eliminazione graduale dei combustibili fossili.

I sostenitori del Great Reset non sono diversi e prevedono un sistema di carbon tax globale entro il 2030, con i cittadini che mangiano carne come,

“una delizia occasionale, non un alimento base. Per il bene dell’ambiente…”

I leader mondiali probabilmente daranno il via al 2021 rinnovando i loro impegni per un futuro senza emissioni di carbonio, ‘qualunque sia il costo’…

Joe Biden, per esempio, ha promesso di firmare il sostegno degli Stati Uniti all’accordo sul clima di Parigi immediatamente dopo il suo insediamento.

Mentre la persona media può pagare un po’ di più per il privilegio di guidare un’auto o mangiare una bistecca nei prossimi mesi e anni, il vero cambiamento, secondo il WEF, si farà sentire entro il 2030, quando il cambiamento climatico sposterà un miliardo di persone creando un’ondata di rifugiati senza precedenti.

Secondo i termini del Great Reset,

“dovremo fare un lavoro migliore nell’accogliere e integrare i rifugiati”.

Per l’Occidente, un’ondata di rifugiati climatici significa più concorrenza per i posti di lavoro e una crescente sottoclasse nei paesi che li accolgono.

Tuttavia, avranno anche l’opportunità di

“non possedere nulla e di essere felici”, proprio come il resto di noi…

E il WEF può contare su legioni di attivisti “di base” per schiacciare con queste politiche le masse.

La sua ala giovanile – la Global Shapers Community – è stata coinvolta nelle marce per il clima dello scorso anno, e i leader della comunità sono stati formati dal Climate Reality Project, un’organizzazione di attivisti gestita dal fiduciario del WEF Al Gore.

Aspettatevi che questi attivisti chiedano un’azione per il clima quando il WEF si riunirà a Davos, in Svizzera, a gennaio

La poca chiarezza reale e irreale: la discussione è censurata

Con i membri del WEF che finanziano letteralmente i propri movimenti di attivisti, sarà difficile distinguere dall’alto verso il basso il cambiamento di base.

Nel caso della spinta del WEF per un nuovo ambientalismo, Greta Thunberg e British Petroleum sono nella stessa squadra.

Quando si tratta di reinventare il capitalismo, Papa Francesco e Mastercard stanno lavorando insieme per dare alle aziende maggiore voce in capitolo sulle questioni culturali e politiche.

Per quanto riguarda la politica sanitaria, il WEF e in effetti gran parte dei media mondiali, sembra d’accordo nel lasciare che Bill Gates decida il futuro della medicina e della prevenzione delle malattie.

Tuttavia, discutete le contraddizioni e i problemi inerenti a queste previsioni post-Covid e sarete etichettati come un teorico della cospirazione.

Con i giganti mondiali dei social media che reprimono tutti i contenuti di “cospirazione”, resta da vedere dove verrà tracciata la linea tra disinformazione “pericolosa” e critica legittima nel 2021.

Tuttavia, è inutile dire che nel 2021 la Silicon Valley avrà più voce in capitolo su ciò che non si discute.

Solo nel 2020, Twitter ha censurato il Presidente degli Stati Uniti e ha bandito un quotidiano nazionale per aver riportato informazioni dannose sul suo avversario.

Quando si tratta di contenuti etichettati come “teoria del complotto”, la discussione con ogni probabilità sarà più, non meno, limitata da qui in avanti.

In mezzo allo sconvolgimento globale provocato dalla “pandemia del coronavirus“, è facile immaginare che leader mondiali e corporazioni approfittino del caos per imporre maggiori controlli sulla popolazione.

Lo stesso principe Carlo ha persino descritto i nostri tempi turbolenti come,

“occasione d’oro” per fare bene con “grandi visioni di cambiamento”…

Tuttavia, i promotori e gli agitatori che si recano ogni anno al vertice del Forum economico mondiale a Davos si sono vantati dei loro,

“grandi” piani prima, dal “Modello per il mondo post crisi Covid”‘, alla “Grande Trasformazione” del 2012.

L’attuazione effettiva del “Great Reset” dipenderà dall’immaginazione e dall’ambizione dei governi e dei loro partner aziendali, e da quanto questo si oppone alla necessità economica e alla resistenza pubblica.

Il risultato più probabile è che:

il ripristino sia eseguito in modo frammentario…

Indipendentemente da ciò, i suggerimenti del WEF continueranno sicuramente a plasmare la discussione molto tempo dopo che la minaccia del coronavirus si sarà placata…

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld