Postato da: Robert F.Kennedy, Jr. tramite The Defender

Bill Gates è un poster-bambino per Tecnocrazia. Ha chiaramente gli occhi sul potere di monopolio sulla salute dell’umanità con vaccini di massa, ma sta anche cercando di ottenere il controllo del monopolio sul cibo? Questo è un articolo da leggere di Robert F. Kennedy, Jr., che approfondisce le attività globali di Gates. ⁃ TN Editor

Bill Gates si è tranquillamente reso il più grande proprietario di terreni agricoli negli Stati Uniti. Per un uomo ossessionato dal controllo del monopolio, l’opportunità di dominare anche la produzione alimentare deve sembrare irresistibile.

“Gates ha una concezione napoleonica di se stesso, un appetito che deriva dal potere e dal successo puro, senza esperienza dura lievitante, senza rovesci”.  – Giudice Thomas Penfield Jackson, presidente del caso Gates / Microsoft contro la frode antitrust

I blocchi globali che Bill Gates ha aiutato a  orchestrare e cheerlead  hanno fatto fallire più di  100.000 aziende solo  negli Stati Uniti e  fatto precipitare un miliardo di persone  nella povertà e nell’insicurezza alimentare mortale che, tra gli altri danni devastanti,  uccidono 10.000 bambini africani al mese, aumentando la ricchezza di Gates  $ 20 miliardiLa sua fortuna di 133 miliardi di dollari  lo rende il  quarto uomo più ricco del mondo.

Gates ha utilizzato quel denaro ritrovato per espandere il suo potere sulle popolazioni globali acquistando beni svalutati a prezzi di svendita e manovrando per il controllo del monopolio sulla  salute pubblicaprivatizzando le prigionil’istruzione online  e le  comunicazioni globali promuovendo al  contempo  valute digitalisorveglianza ad alta tecnologiadati sistemi di raccolta  e  intelligenza artificiale.

Per un uomo ossessionato dal controllo del monopolio, l’opportunità di dominare anche la produzione alimentare deve sembrare irresistibile.

Secondo l’ultimo numero di  The Land Report, Gates si è tranquillamente reso il più grande proprietario di terreni agricoli negli Stati Uniti. Il portafoglio di Gates comprende ora circa  242.000 acri di terreni agricoli americani  e quasi  27.000 acri di altri terreni  in Louisiana, Arkansas, Nebraska, Arizona, Florida, Washington  e altri 18 stati.

Thomas Jefferson credeva che il successo della lotta esemplare dell’America per soppiantare il giogo del feudalesimo europeo con un nobile esperimento di autogoverno dipendesse dal controllo perpetuo della base terrestre della nazione da parte di decine di migliaia di agricoltori indipendenti, ciascuno con un interesse nella nostra democrazia .

Quindi, nella migliore delle ipotesi, la campagna di Gates per sciacquare le proprietà agricole americane è un segnale che il feudalesimo potrebbe essere di nuovo in voga. Nel peggiore dei casi, la sua baldoria di acquisti è un presagio di qualcosa di molto più allarmante: il controllo delle forniture alimentari globali da parte di un megalomane assetato di potere con un complesso napoleonico.

Esploriamo il contesto degli acquisti furtivi di Gates come parte della sua strategia a lungo termine di controllo dell’agricoltura e della produzione alimentare a livello globale.

A partire dal 1994, Gates ha lanciato una  campagna internazionale di biopirateria  per ottenere un dominio integrato verticalmente sulla produzione agricola globale. Il suo impero ora include vaste terre agricole e ingenti investimenti in  colture OGMbrevetti di sementi,  alimenti sintetici, intelligenza artificiale inclusi lavoratori agricoli robotici e posizioni di comando in colossi del cibo tra cui  Coca-Cola, Unilever, Philip Morris (KraftGeneral Foods),  Kellogg’sProcter & Gamble  e  Amazon  (Whole Foods), e in multinazionali come  Monsanto e Bayer  tale mercato pesticidi chimici  e fertilizzanti petrolchimici.

Come al solito, Gates coordina questi investimenti personali con sovvenzioni sovvenzionate dai contribuenti della Bill & Melinda Gates Foundation, l’organizzazione  più ricca e potente  in tutti gli aiuti internazionali, le sue partnership finanziarie con  Big AgBig Chemical Big Food e il suo controllo di agenzie internazionali – comprese alcune di sua creazione – con un potere straordinario di creare mercati vincolati per i suoi prodotti.

L’ex segretario di Stato Henry Kissinger, protetto e partner di David Rockefeller, ha osservato che “chi controlla l’approvvigionamento alimentare controlla le persone“. Nel 2006, le fondazioni Bill & Melinda Gates e Rockefeller hanno lanciato l’Alleanza per una rivoluzione verde in Africa (AGRA) da 424 milioni di dollari,  promettendo di raddoppiare la produttività delle colture e aumentare i redditi di  30 milioni di piccoli agricoltori entro il 2020 , dimezzando l’insicurezza alimentare.

Tipicamente, l’approccio di Gates ai problemi globali pone la tecnologia ei suoi partner dell’industria chimica, farmaceutica e petrolifera al centro di ogni soluzione. Come si è scoperto, la “strategia innovativa” di Gates per la produzione alimentare è stata quella di forzare il fallito sistema americano di  agricoltura basata  su OGM, prodotti chimici e combustibili fossili sui  poveri agricoltori africani .

Le pratiche agricole africane si sono evolute dalla terra per oltre 10.000 anni in forme che promuovono la diversità delle colture, il decentramento, la sostenibilità, la proprietà privata, l’auto-organizzazione e il controllo locale dei semi. La libertà personale insita in questi sistemi localizzati lascia le famiglie contadine a prendere le proprie decisioni: i padroni delle loro terre, i sovrani dei loro destini. L’innovazione continua di milioni di piccoli agricoltori ha massimizzato i raccolti sostenibili e la biodiversità.

Nella sua spietata reinvenzione del colonialismo, Gates ha speso  4,9 miliardi di dollari  per smantellare questo antico sistema e sostituirlo con un’agricoltura corporatizzata e industrializzata ad alta tecnologia, monoculture chimicamente dipendenti, centralizzazione estrema e controllo dall’alto verso il basso. Ha costretto le piccole fattorie africane a passare a  semi commerciali importatifertilizzanti petroliferi  e  pesticidi.

Gates ha costruito l’infrastruttura della catena di approvvigionamento per i prodotti chimici e le sementi e ha fatto  pressione sui governi africani  per spendere enormi somme in sussidi e per usare sanzioni draconiane e controllo autoritario per costringere gli agricoltori ad acquistare i suoi costosi input e rispettare i suoi diktat. Gates ha costretto gli agricoltori a sostituire le colture di sussistenza nutrienti tradizionali come il sorgo, il miglio, la patata dolce e la manioca con colture industriali ad alto rendimento,  come la soia e il mais, che avvantaggiano i commercianti di materie prime d’élite ma lasciano gli africani poveri con poco da mangiare. Sia la nutrizione che la produttività sono crollate.  I terreni diventavano più acidi  ad ogni applicazione di fertilizzanti petrolchimici.

Come per l’impresa di vaccini africana di Gates, non c’era né valutazione interna né responsabilità pubblica. Lo studio del 2020 “False Promises: The Alliance for a Green Revolution in Africa (AGRA)” è la pagella dell’impegno di 14 anni del cartello di Gates. L’inchiesta conclude che il numero di africani che soffrono di  fame estrema è aumentato del 30 per cento  nei 18 paesi presi di mira da Gates. La povertà rurale si è metastatizzata in modo drammatico e il numero di persone affamate in queste nazioni è salito a  131 milioni.

Sotto il sistema di piantagioni di Gates, le popolazioni rurali africane sono diventate  schiave sulla propria terra  di un tirannico servitù di input high-tech, meccanizzazione, orari rigidi, condizionalità gravose, crediti e sussidi che sono le caratteristiche distintive della “Rivoluzione Verde” di Bill Gates. “

Le uniche entità che beneficiano del programma di Gates sono i suoi partner aziendali internazionali – e in particolare la Monsanto, in cui la Gates Foundation Trust ha acquistato  500.000 azioni per un valore di 23 milioni  di dollari nel 2010 (ma in seguito ha ceduto quelle azioni dopo le pressioni dei gruppi della società civile). Lo stesso Gates ha anche  filmato spot pubblicitari per gli OGM della Monsanto, pubblicizzandoli come la “soluzione” alla fame nel mondo.

In un tipico esempio della strana generosità di Gates, la sua fondazione apparentemente ha concesso le sue sovvenzioni “di beneficenza” sovvenzionate dai contribuenti per un importo di  $ 10 milioni al colosso del Big Ag, Cargill,  per costruire le sue catene di approvvigionamento per la soia OGM in Sud Africa. Gli africani chiamano il programma di Gates “neocolonialismo” o “colonialismo aziendale“.

L’iniziativa AGRA Watch della Community Alliance for Global Justice con sede a Seattle segue le politiche agricole e alimentari di Gates. Secondo Heather Day, portavoce di AGRA Watch, AGRA è un cavallo di Troia per la cleptocrazia aziendale.

“La Gates Foundation e l’AGRA affermano di essere ‘pro-farmer’, ‘pro-poveri’ e ‘pro-environment’”, mi ha detto Day. “Ma il  loro approccio è strettamente allineato  con le società transnazionali, come la Monsanto, e gli attori della politica estera come USAID [Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale]. Approfittano delle crisi alimentari e climatiche globali per promuovere un’agricoltura industriale centralizzata e ad alta tecnologia che  genera profitti per i partner aziendali di Gates,  degradando l’ambiente e privando gli agricoltori di potere. I loro programmi sono una forma oscura di  filantrocapitalismo  basata sulla biopirateria e sulla biopirateria aziendale “.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://www.technocracy.news/

®wld