Corbett – 11/23/2020

COME SALVARE IL MONDO (IN UN SOLO FACILE PASSO!)

“Date a una società la giusta narrazione e si chiuderanno volentieri nella loro prigione e vi consegneranno la chiave.

Una volta che una storia del genere è saldamente radicata nelle loro teste, le persone si controllano volentieri a vicenda.”

Quiz a sorpresa: Qual è l’arma più potente mai inventata?

Il MOAB? chiedete, curiosamente. No, rispondo in modo deciso.

La bomba H? Certo che no. La bomba A, allora. Sbagliato di nuovo. La bomba a neutroni? No.

Ti do un indizio: non è affatto una bomba.

Ahhhh, i Bastoni di Dio! No. (a.d.r. punizione di dio)

Le nuove misteriose armi a microonde cinesi? Le armi a energia diretta in generale? Qualsiasi tecnologia che distrugge il mondo con cui la DARPA sta giocando nell’Area 51?

Il Dipartimento della Difesa e i loro confratelli del MIC in Cina, Russia e altrove sono senza dubbio in possesso di armi che ci farebbero impazzire se venissero rivelate al pubblico, ma senza nemmeno sapere cosa siano quelle armi posso dirvi inequivocabilmente che nessuna di esse si qualifica come l’arma più potente mai inventata.

Le nuove misteriose armi a microonde cinesi? Le armi a energia diretta in generale? Qualsiasi tecnologia che distrugge il mondo con cui la DARPA sta giocando nell’Area 51?

Che ipotesi fantastica. Ottenete punti bonus per un richiamo FLNWO comunque molto azzeccato (a.d.r.: Film, Letteratura e il Nuovo Ordine Mondiale, serie di James Corbett). E, a quanto pare, avete quasi ragione. O almeno siete sulla strada giusta.

Certamente l’arma più potente mai inventata non è considerata tradizionalmente un’arma. In realtà, è quasi completamente trascurata da tutti, anche dai più esperti che hanno saputo trovare la strada per il Rapporto Corbett. Tuttavia, senza di essa, non abbiamo alcuna possibilità di fermare il Grande Reset, di porre fine alla truffa COVID, di fermare il raggiungimento dello stato di biosicurezza o di detronizzare le potenze che non dovrebbero nemmeno esistere.

Ti arrendi? Va bene, te lo dico. L’arma più potente mai inventata è. . .

Aspetta. Aspetta. Invece di rispondere subito, lasciate che vi racconti una storia.

Negli anni Settanta del XVII secolo, le tensioni tra le colonie americane e la Madre Inghilterra erano ai massimi storici.

La legge sui francobolli. Le tasse di Townshend. Il massacro di Boston. La legge del tè. Il Tea Party. Le proteste hanno travolto le colonie, e nessuno può negare che la rabbia americana nei confronti di Re Giorgio III e del Parlamento inglese abbia raggiunto un picco di ebollizione.

Ma tuttavia, anche se gli spari che si sentivano in tutto il mondo suonavano a Lexington e a Concord per segnare l’inizio di quella che oggi chiamiamo la guerra rivoluzionaria, pochi hanno capito che le colonie americane erano impegnate in una guerra per l’indipendenza.

Perfino la Dichiarazione delle Cause e della Necessità di prendere le armi ha puntato sulla ” liberazione dell’Impero dalle calamità della guerra civile”, non sul raggiungimento dell’indipendenza dall’Inghilterra. Sebbene i ranghi di coloro che si agitavano per l’indipendenza fossero in crescita, si trattava comunque di un’idea marginale; il colonialista medio nel 1775 si credeva un suddito leale della corona britannica che cercava di assicurarsi i diritti che gli venivano concessi come cittadini inglesi.

Allora, cos’è successo?

È arrivato il buon senso, ecco cos’è successo. O, più precisamente, è comparso il buon senso. (Common Sense )

L’opuscolo politico di Thomas PaineCommon Sense, fu pubblicato il 9 gennaio 1776 e divenne rapidamente uno dei più importanti trattati politici della storia. Alcuni lo considerano addirittura il vero e proprio documento fondatore degli Stati Uniti e non la Dichiarazione d’Indipendenza. (C’è persino chi sostiene che lo stesso Paine sia stato l’autore della Dichiarazione d’Indipendenza, ma questa è un’altra storia).

È difficile sopravvalutare l’impatto che il Common Sense ha avuto nel plasmare il corso della storia americana. Ha venduto 120.000 copie solo nei primi tre mesi, pari al 5% della popolazione totale delle colonie pari a 2,5 milioni di abitanti.

Alla fine dell’anno aveva venduto 500.000 copie, ovvero un opuscolo per ogni cinque uomini, donne e bambini delle colonie. Per metterla in prospettiva, un libro oggi dovrebbe vendere 66 milioni di copie in America per raggiungere lo stesso risultato, e con queste cifre di vendita sarebbe il  tredicesimo libro più venduto di tutti i tempi.

Ma è importante sottolineare che Paine non ha ottenuto questo successo monumentale dispensando e banalità ovattate e sdolcinate, farfuglianti e scialbe, o rigurgitando quel tipo di “buon senso” che la maggior parte dei suoi lettori ritiene di avere.

No, lo ha fatto cambiando completamente e totalmente il modo in cui è stata raccontata la lotta delle colonie contro la corona. Secondo Paine, i coloni non erano inglesi offesi che cercavano un risarcimento dal loro re, come molti all’epoca credevano; erano una nazione di popoli liberi impegnati in una guerra d’indipendenza da un sovrano straniero.

Paine non ha riversato la sua argomentazione in una retorica vaporosa o in un chiacchiericcio compiacente. Al contrario, ha confrontato direttamente i suoi lettori con il suo punto di vista radicale.

Gli uomini di indole passiva guardano con una certa frivolezza ai crimini della Gran Bretagna e, sperando ancora nel meglio, sono inclini a dire la loro: “Venite, venite, torniamo ad essere amici di nuovo.”

Ma esaminate le passioni e i sentimenti dell’umanità: pensate alla dottrina della riconciliazione come base di riferimento per la natura, e poi ditemi allora se in futuro potrete amare, onorare e servire fedelmente il potere che ha portato il fuoco e la spada nella vostra terra?

Se non potete fare tutto questo, allora state solo ingannando voi stessi e con il vostro ritardo porterete la rovina ai posteri.

Il vostro futuro legame con la Gran Bretagna, che non potete né amare né onorare, sarà costrittivo e innaturale, e si formerà solo sul piano della convenienza presente, e in breve tempo precipiterà verso una crisi più miserabile della prima.

Se però lei dite che si può ancora superare le violazioni, allora le chiedo: la sua casa è stata bruciata? La vostra proprietà è stata distrutta davanti ai vostri occhi?

Vostra moglie e i vostri figli sono privi di un letto su cui sdraiarsi o di pane per vivere? Hai perso un genitore o un figlio per mano loro, e tu stesso sei il rovinato e miserabile sopravvissuto?

Se non lo hai fatto, allora non sei un giudice di coloro che lo hanno fatto. Ma se l’hai fatto, e puoi ancora stringere la mano agli assassini, allora non sei degno del nome di marito, padre, amico o amante, e qualunque sia il tuo rango o titolo nella vita, allora hai il cuore di un codardo, e lo spirito di un leccapiedi.

Paine ci è riuscito, incredibilmente, con la sola forza delle sue parole. Se avesse preso in mano una pistola e avesse sparato ad alcuni soldati britannici, avrebbe potuto farne fuori uno o due prima di essere sopraffatto.

Ma, prendendo la penna, ha fatto qualcosa di incredibilmente più efficace: ha suscitato un’intera nazione in aperta ribellione contro la più grande e temibile potenza militare ed economica del pianeta.

Ovviamente non viviamo nel mondo del 1776. Ma vale la pena di riflettere sulla storia del Common Sense perché in essa è racchiusa la risposta alla domanda: Qual è l’arma più potente mai inventata?

L’avete già capito? La narrazione è l’arma più potente. Il racconto. Idee presentate in modo da provocare certi pensieri o azioni.

Con una pistola si può uccidere un uomo. Con una bomba si può uccidere una famiglia. Con una bomba atomica si può radere al suolo una città. Ma con una storia si può controllare il mondo.

È così che miliardi di persone in tutto il mondo sono state rinchiuse come prigionieri nelle loro case lo scorso anno. Non perché ci sia un’inesauribile scorta di delinquenti della polizia ad ogni angolo di strada pronti a sparare a chiunque metta piede fuori casa, ma perché è stata costruita una narrazione tale che la stragrande maggioranza vuole rimanere a casa. Date a una società la giusta narrazione e si chiuderanno volentieri nella loro prigione e vi consegneranno la chiave.

Ecco perché miliardi di persone in tutto il mondo sono pronti a arrotolare le maniche per un “vaccino” sperimentale e non provato per una malattia con un tasso di sopravvivenza del 99%. Alle masse è stato dato un racconto in cui questo “vaccino” li libererà da una piaga mortale. Non importa quale controprova venga loro presentata; quelli che prendono il vaccino sono gli eroi giusti di questa storia, e quelli che mettono in discussione i vaccini sono i cattivi.

Ecco perché – come continuo a sottolineare nella mia serie #PropagandaWatch – i poteri che non dovrebbero esistere spendono così tanto tempo, denaro e sforzi per cercare di influenzare il pubblico attraverso la propaganda.

Se il mondo potesse essere governato semplicemente mettendo guardie armate ad ogni angolo di strada e dispositivi di ascolto in ogni casa, si può supporre che coloro che cercano di governare su di voi ricorrerebbero a questa opzione. Ma come farebbero a far sì che le guardie armate controllino i loro concittadini? Come farebbero a indurre la gente a spiare i loro vicini? Da dove verrebbero gli scagnozzi? La popolazione ha bisogno di una storia convincente sul perché coloro che detengono il potere comandano e perché è sbagliato resistere al loro dominio. Una volta che una storia del genere è saldamente radicata nelle loro teste, le persone si controllano volentieri a vicenda.

C’è un rovescio della medaglia, tuttavia, in questa visione apparentemente deprimente. Sì, le persone possono essere ingannate e ridotte in schiavitù attraverso la propaganda e la manipolazione narrativa. Questo spiega in larga misura la situazione in cui ci troviamo oggi. Ma è vero anche l’inverso. Possiamo essere liberati da una narrazione che ci aiuta a uscire dalla nostra prigione mentale. Un narratore con una storia avvincente da raccontare può ridisegnare la nostra realtà collettiva in un istante, e il mondo cambierà tutto in una volta.

Purtroppo, sembra che i poteri che non dovrebbero esistere ne siano molto più consapevoli di noi.

Per questo motivo l’esercito olandese sta prendendo di mira le voci dissenzienti nei Paesi Bassi.

Per questo motivo i militari canadesi hanno dichiarato di aver preso di mira la popolazione canadese con la guerra dell’informazione (ma non preoccupatevi, da allora hanno completamente abbandonato quel piano).

Per questo motivo l’esercito britannico ha un’intera brigata cibernetica dedicata a influenzare il comportamento pubblico online, così come le forze armate statunitensi, gli israeliani, i cinesi e i russi e ogni altro grande governo del mondo.

È proprio perché i grandi resettatori e i nuovi regolatori del nuovo ordine del mondo riconoscono il potere della storia, temono l’ascesa di un potente narratore. Hanno paura che i dissidenti arrivino e distruggano la loro narrazione costruita con cura.

Una volta etichettavano come eretico chi sovverteva il loro controllo narrativo e lo mettevano al rogo. Oggi li etichettano come agenti di disinformazione e cercano di censurarli. Tuttavia, la paura che motiva queste risposte è la stessa.

Ancora una volta, il mondo è in crisi. E, come nel 1776, siamo in pochi a comprendere la vera natura della lotta in cui siamo impegnati. Ciò di cui abbiamo bisogno è un modo per spiegare questa lotta alle masse ingannate che si sono bevute le false narrazioni.

A differenza del 1776, però, non sarà un pamphlet politico ad accendere quella scintilla di comprensione tra le masse. Ma qualcuno emergerà con una storia da raccontare. Un docente universitario o un blogger online o un attivista di strada o un pazzo venuto fuori dal deserto con barba e sandali per ricordarci che siamo esseri umani liberi e che abbiamo tutto il potere, non il piccolo gruppo di psicopatici squilibrati che cercano di dominarci.

Chiunque sia a portare questo messaggio al mondo, e qualunque forma questo messaggio prenda, si presenterà come una rivelazione; una risposta che è sempre stata sotto il nostro naso. E quando arriverà, non ci sarà bisogno di persuasione o di incantesimi per convincere il pubblico ad agire. La storia stessa costringerà il mondo ad agire.

So che queste parole cadranno per lo più nel vuoto. Una delle narrazioni che i controllori narrativi ci hanno impiantato è che le parole non hanno senso e solo un eroismo bellico di alcuni Rambo carichi di steroidi e pieni di armi può salvarci dai cattivi.

Ma chi ha studiato davvero la storia lo sa bene. Capiscono che le idee e le storie sono le uniche cose che hanno cambiato il mondo.

Dov’è Thomas Paine nel momento del bisogno?

Traduzione a cura di Nogeoingegneria 

FONTE https://www.minds.com/CorbettReport/blog/how-to-save-the-world-1177272972404084736

Guarda questo video di James Corbett.

In poche parole

Se sei un sostenitore dei lockdown, sei complice della divisione delle famiglie, sei responsabile dell’enorme sofferenza di milioni di persone in tutto il mondo. Sei complice nel far diventare le persone povere e vulnerabili della nostra società in una povertà ancora maggiore. Sei complice dell’omicidio.

QUELLO CHE NESSUNO DICE SUI LOCKDOWN

Pubblicato da: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld