“Great Reset” Transhumanism: Merging Man & Machine
Image: HadelProductions / E+ / Getty Images Plus

Transumanesimo “Great Reset”: fusione di uomo e macchina

di: Alex Newman 

Sotto il nuovo ordine mondiale immaginato dai fautori del “Great Reset” sostenuto dalle Nazioni Unite, gli esseri umani saranno fusi con macchine e tecnologia. Letteralmente. Forse la cosa più incredibile è che i globalisti di Deep State dietro gli sforzi stanno uscendo allo scoperto. In questi giorni, stanno apertamente e letteralmente proclamando la loro intenzione di abolire la proprietà privata della proprietà e persino di fondere microchip nel cervello delle persone che saranno in grado di leggere e manipolare i pensieri degli individui.

Proprio l’anno scorso, i piani spacciati sotto lo stendardo del “Great Reset” sarebbero stati liquidati come “folli teorie del complotto”. Oggi, i migliori globalisti come il capo del World Economic Forum Klaus Schwab, il capo delle Nazioni Unite (e leader socialista) Antonio Guterres, il leader del FMI Kristalina Georgieva e altri stanno strombazzando la loro agenda dai tetti. Anche i leader mondiali come il primo ministro canadese di estrema sinistra Justin Trudeau lo stanno facendo, nonostante gli sforzi frenetici dei falsi media per minimizzare il significato.Come ha riportato The New American quest’estate, poco dopo che è stato svelato il programma del “Great Reset“, ci sono molti elementi nella trama. Tutto deve cambiare, dall’istruzione e dal business all’economia e alla governance globali, hanno dichiarato i sostenitori del Great Reset durante il vertice annunciando lo schema. Tuttavia, un settore che non ha ricevuto altrettanta attenzione è il piano per fondere gli esseri umani con la tecnologia con il pretesto di “migliorare” l’umanità.

Il capo del WEF Schwab, il principale marketer del Great Reset che ha recentemente pubblicato un libro con quel titolo, ha affermato che un elemento chiave del “reset” sarà la cosiddetta “Quarta rivoluzione industriale”. E in dichiarazioni molto pubbliche, ha spiegato cosa significa: fondere l’uomo con le macchine. “Ciò a cui porterà la quarta rivoluzione industriale è una fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica”, ha spiegato Schwab in un discorso al Consiglio di Chicago per gli affari globali.

Schwab, il cui accento e comportamento lo fanno sembrare quasi una caricatura di un cattivo cattivo dei cartoni animati, nel 2016 ha persino scritto un libro sull’argomento intitolato Shaping the Future of The Fourth Industrial Revolution . In esso, l’intrigatore globalista spiega come gli incombenti cambiamenti tecnologici consentiranno ai governi di “intromettersi nello spazio fino ad ora privato delle nostre menti, leggere i nostri pensieri e influenzare il nostro comportamento”. 

“Le tecnologie della quarta rivoluzione industriale non si fermeranno a diventare parte del mondo fisico che ci circonda – diventeranno parte di noi”, ha continuato Schwab. “In effetti, alcuni di noi sentono già che i nostri smartphone sono diventati un’estensione di noi stessi. I dispositivi esterni di oggi, dai computer indossabili alle cuffie per realtà virtuale, diventeranno quasi certamente impiantabili nel nostro corpo e nel nostro cervello”.

Tra queste tecnologie ci sono “microchip impiantabili attivi che rompono la barriera cutanea del nostro corpo”, ha spiegato Schwab. Questi “dispositivi impiantabili”, ha continuato Schwab, “probabilmente aiuteranno anche a comunicare pensieri normalmente espressi verbalmente attraverso uno smartphone ‘integrato’ e pensieri o stati d’animo potenzialmente inespressi leggendo le onde cerebrali e altri segnali”.

Ancora più inquietante, forse, è che Schwab abbia suggerito che queste tecnologie sarebbero state utilizzate dai governi per determinare chi può viaggiare e anche per scopi “pre-crimine”. “Man mano che le capacità in quest’area migliorano, aumenterà la tentazione per le forze dell’ordine e i tribunali di utilizzare tecniche per determinare la probabilità di attività criminale, valutare la colpa o addirittura recuperare i ricordi direttamente dal cervello delle persone”, ha spiegato, aggiungendo che le autorità potrebbero “Una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo.”

In un post sul sito web del WEF della parlamentare danese Ida Auken, la direzione e gli obiettivi di tutto questo transumanesimo diventano più chiari. “Benvenuti nell’anno 2030”, scrive Auken. “Non possiedo nulla”, inclusa una casa, e “non ho una vera privacy. No dove posso andare e non essere registrato. So che, da qualche parte, tutto ciò che faccio, penso e sogno è registrato. ” Ma la sua più grande preoccupazione sono coloro che si rifiutano di partecipare. 

“La mia più grande preoccupazione sono tutte le persone che non vivono nella nostra città”, spiega Auken, sottolineando che alcuni individui testardi si sono rifiutati di fondersi con le macchine. “Quelli che abbiamo perso per strada. Quelli che hanno deciso che fosse troppo, tutta questa tecnologia. Quelli che si sentivano obsoleti e inutili quando i robot e l’intelligenza artificiale hanno assunto gran parte del nostro lavoro. Coloro che si sono arrabbiati con il sistema politico e si sono rivoltati contro di esso”.

La spinta verso il transumanesimo e la fusione con i computer sta diventando particolarmente evidente nel sistema “educativo” in mezzo all’isteria che circonda COVID. Dallo spostare tutto online e mettere da parte gli insegnanti all’introduzione di intelligenza artificiale e algoritmi, la tecnologia sta diventando decisamente inquietante. Enormi aziende totalitarie come Google, che discrimina sfacciatamente cristiani e conservatori, sono attori chiave poiché raccolgono enormi quantità di dati sensibili sui bambini e manipolano palesemente il pubblico.

Il WEF, che sta guidando la spinta con l’aiuto delle Nazioni Unite e dell’FMI, è una potenza. Ogni anno riunisce miliardari e persino dittatori assassini di massa da tutto il mondo per promuovere il globalismo e la tecnocrazia con il pretesto di “aiutare” l’umanità. Naturalmente, tutte le principali società tecnologiche – Facebook, Alphabet, Microsoft e così via – sono intimamente coinvolte. Anche i miliardari marginali totalitari come George Soros sono attori chiave.

La spinta per il “Grande Reset” non è certo la prima volta che le élite hanno spacciato l’agenda transumanista. Al “Vertice mondiale del governo” del 2018 negli Emirati Arabi Uniti, i migliori globalisti e “leader mondiali” si sono riuniti per promuovere, tra gli altri temi chiave, la normalizzazione e la glorificazione dei “cyborg”. In effetti, la conferenza, che riunisce i massimi leader del governo e delle imprese, ha offerto un ruolo di primo piano a un autoproclamato “cyborg” di nome Neil Harbisson, il quale ha sostenuto che i governi devono facilitare la transizione ad almeno alcune persone che diventano “parte tecnologia, in parte umano. “

“Ho un’antenna che è impiantata nella mia testa, che mi permette di estendere la mia percezione della realtà oltre lo spettro visivo”, ha detto Harbisson, co-fondatore della Cyborg Society e della Transpecies Society che combattono per le persone che si “identificano” come non umano. “Riesco a percepire infrarossi e ultravioletti e ho anche una connessione Internet nella mia testa che mi consente di ricevere colori da altre parti del mondo o di connettermi ai satelliti in modo da poter inviare colori dallo spazio”.

L’anno prima, al Vertice mondiale del governo si sono riuniti i globalisti sotto una replica dell’“Arco di Baal”, un monumento al dio demone dei Cananei a cui si fa spesso riferimento nella Bibbia. Più di pochi commentatori lo hanno visto come un segno minaccioso.

A parte la fusione con macchine e tecnologia, le élite globaliste stanno anche spingendo per la modificazione genetica di tutto, compresi gli esseri umani. In effetti, il magnate di Microsoft Bill Gates ha apertamente spinto per tali schemi. Nel 2018, ha pubblicizzato la tecnologia di editing genetico in Foreign Affairs , il portavoce dell’organo globalista Deep State noto come Council on Foreign Relations. Più recentemente, ha celebrato i vaccini che alterano letteralmente il codice genetico di coloro che li ricevono.

Il movimento transumanista è stato ai margini, sotto il radar, per decenni. Alla fine degli anni ’90, l’economista svedese Nick Bostrom di Oxford e il “filosofo” britannico David Pearce hanno fondato la World Transhumanist Association. E più recentemente, nel suo libro Homo Deus, l’autore e storico israeliano Yuval Noah Harari ha anche spacciato l’idea che l’umanità sia sul punto di evolversi verso uno status divino attraverso la tecnologia. Alla fine, gli esseri umani sarebbero stati riprogettati utilizzando la modificazione genetica e “aggiornamenti” tecnologici.

“È molto probabile che, entro un secolo o due, l’Homo sapiens, come lo conosciamo da migliaia di anni, scomparirà”, ha detto recentemente Harari al Carnegie Council for Ethics in International Affairs. “Useremo la tecnologia per aggiornare noi stessi – o almeno alcuni di noi – a qualcosa di diverso; qualcosa che è molto più diverso da noi di quanto siamo diversi dai Neanderthal.” I media dell’establishment hanno ripetuto senza fiato la sua propaganda.

Naturalmente, il progresso del transumanesimo richiede la distruzione dei principi morali cristiani e la negazione delle verità fondamentali sull’umanità e sulla realtà rivelate nella Bibbia, hanno osservato gli analisti. In effetti, molti dei principali fautori del transumanesimo credono che il loro percorso verso la “vita eterna” implichi il caricamento della loro coscienza su un computer e la fusione con la tecnologia.

Uno degli esperti di spicco che si è espresso contro tutto questo è il dottor Miklos Lukacs de Pereny, professore di scienza e politica tecnologica presso l’Universidad San Martin del Perù. “La quarta rivoluzione industriale è letteralmente, come si suol dire, una rivoluzione trasformativa, non solo in termini di strumenti che utilizzerai per modificare il tuo ambiente, ma per la prima volta nella storia umana per modificare gli esseri umani stessi”, ha detto a LifeSiteNews, aggiungendo che credeva che l’isteria COVID-19 fosse stata progettata per consentire la trasformazione del Great Reset.

Anche se i leader mondiali ne parlano apertamente, in risposta a una reazione pubblica, i media falsi di estrema sinistra come il New York Times e la BBC sono attualmente impegnati in un frenetico “controllo dei danni”. Incredibilmente, stanno persino affermando falsamente che il Great Reset è una “teoria della cospirazione infondata”. Apparentemente lo scrittore del New York Times Davey Alba non ha familiarità con la definizione della parola cospirazione. Ha anche riferito dei suoi sforzi per infastidire le società di social media di Big Tech per censurare i commenti delle persone al riguardo.

Se i commenti sotto i suoi video su YouTube sono indicativi, il globalista Great Reset è meno popolare degli scarafaggi e dei pidocchi. Tuttavia, ciò non significa che il Deep State rinuncerà a cercare di far avanzare la sua agenda con lo slogan, che si adatta perfettamente alle Nazioni Unite e Biden, “Build Back Better” e agli schemi delineati nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. È fondamentalmente la stessa vecchia agenda del “Nuovo Ordine Mondiale”, completa con l’eliminazione della proprietà privata, della privacy, dell’autogoverno e degli stati-nazione, ora fusa con il transumanesimo. Coloro che apprezzano la verità, la libertà e l’umanità devono resistere.

Articoli Correlati: 

UN-Backed “Great Reset” to Usher in New World Order

Creepy “World Government Summit” Targets America, Freedom

UN Agenda 2030: A Recipe for Global Socialism

In Davos, Globalists Hail Leadership of Communist Chinese Tyrant

Coronavirus: Deep State Assault on Economic Freedom

Establishment Pushing “Cashless Society” to Control Humanity

Review of Patrick Wood’s “Technocracy: The Hard Road to World Order”

At “World Government Summit,” Top Globalists Drop The Mask

World Government Summit Brings Together Top Globalists Under Baal’s Arch  

“Be Happy! That’s An Order!”

Fonte articolo: https://thenewamerican.com/

****************************************************

Leggi anche:  L’1% vs il 99%

®wld