Home
Page
ContattiLa libreria –  Link
Cerca nel sitoPubblicità
nel sito
Sostenitori

 – Pagina
psicofarmaci

I liberi pensatori sono mentalmente liberi?
Natsman.sovereignsocity.com
– 16 settembre 2010 di Mark Nesmann
A cura di Silvio De Fanti

Metti
in dubbio l’autorità? Non riesci ad accettare la saggezza
convenzionale? Vai in collera quando senti un politico fare una promessa
e sai che non potrà mantenerla?

Se sì, stando alla più recente revisione del Manuale Diagnostico e
Statistico dei Disordini Mentali
(DSM), potresti essere mentalmente
malato. In questa revisione, gli psichiatri sperano di aggiungere
dozzine di nuovi disordini mentali. Sfortunatamente, molte delle
cosiddette malattie hanno come bersaglio persone che semplicemente
pensano o si comportano differentemente dalla maggioranza della
popolazione.

Un
caso esemplare è "il disordine oppositivo provocatorio (ODD)".
Il DSM definisce l’ODD come "un persistente modello di
comportamento disobbediente, ostile e insolente verso le figure di
autorità". I sintomi includono l’andare in collera, dar fastidio
alla gente ed essere "permalosi". Altri "disordini"
includono comportamento antisociale, arroganza, cinismo e narcisismo.
Sembra che molti dei miei lettori ne soffrano!

Mentre
la diagnosi delle "vittime" di ODD si focalizza sui bambini,
non c’è nessuna ragione per cui l’ODD non possa esistere negli adulti.
Infatti, l’ODD può evolvere nel "disordine della condotta (CD)",
che il DSM definisce come "quello in cui i diritti degli altri o le
norme sociali sono violate".

Oh – Oh. Dunque anche la violazione di "norme sociali" è ora
una malattia mentale.

Vediamo
di unire i puntini. C’è una lunga e sordida storia di governi che usano
la psichiatria per la repressione sociale. In Unione Sovietica centinaia
di prigionieri politici furono detenuti in ospedali mentali. Lì,
venivano isolati dagli amici e dalla famiglia e, in molti casi, medicati
forzatamente. La Germania nazista si è spinta ben oltre: ha assassinato
più di 180.000 pazienti psichiatrici.
Le leggi in molti stati permettono che enti di assistenza in difesa del
bambino curino forzatamente i tuoi figli. Infatti, se manchi di
somministrare farmaci prescritti da un medico o manchi di sottoporre i
tuoi figli alle vaccinazioni, te li possono togliere e affidare a un
istituto.

Come
osservava il Washington Post: "Se
un Mozart di 7 anni avesse cercato di comporre i suoi concerti oggi,
sarebbe stato diagnosticato di disordine di iperattività e curato fino
alla sterile normalità
."

La conversione delle differenze di personalità in disordini
psichiatrici e la cura forzata dei bambini, è una tendenza pericolosa.
Si tratta solo di un breve passo estendere queste leggi agli adulti che
hanno una serie di "comportamenti negativi, insolenti, disobbedienti e ostili verso le
figure di autorità
".

Io
preferirei un approccio differente: istituzionalizzare gli psichiatri
che se ne sono usciti con questi nuovi disordini, abituarli a vivere
secondo le norme del buon senso. Forse possiamo chiamare la loro
condizione "psicosi da sovramedicazione". Così quelli di noi
con l’ODD, il CD (o che semplicemente non amano che il governo dica loro
come vivere le proprie vite) potremmo respirare più facilmente.

Il CCDU raccomanda di informarsi attentamente, di non accettare facili
diagnosi psichiatriche sia per se stessi che per i propri figli, ma
richiedere accurate analisi mediche.

Silvio
De Fanti

Vicepresidente del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus